Crea sito

Archive for agosto, 2009

Fase di rillassamento

domenica, 30 agosto, 2009

È vero, dopo la frenesia delle convention la settimana che segue è tremenda. Per tutta una serie di motivi:

1. se la convention si svolge durante un fine settimana, hai diritto a 2 giorni di recupero, che non puoi prenderti in anticipo, ma ti vengono sempre assegnati all’ultimo minuto e hai tempo 7 giorni dalla fine della convention per reclamarli, se no…lavori e zitta.
2. se pensi di approfittare di 4 gironi di ferie per prenderti una vacanza…scordatelo, perché sei fisicamente distrutta. Io personalmente vivo con febbre perenne durante le convention, perciò quando finisce…la mia temperatura…fa il botto, diciamo XD
E l’utlima volta che ho deciso di approfittare dei 4 giorni di ferie per visitare Parigi e Disneyland…ho passato 3 giorni a letto in una camera dall’albergo, però…posso dire con soddisfazione che la camera d’albergo era davvero molto bella :D
3. la tua vita torna alla normalità. Normalmente non ho troppe difficoltà a riadattarmi, ma questa volta…mi è presa brutta…la mia testa non smette di pensare…al lavoro, ai colleghi…Allora ieri mi sono data alla cucina. Sì, carino, ma…poi? Cerco di fare le solide faccende domestiche per tenermi occupata, ma…niente. Non ne ho voglia. Non ne ho voglia perché tutto quello che vorrei in questo momento è…un’altra convention >.< Datemi un’altra convention, presto! Sono in crisi d’astinenza! >.<
La verità?
Il COMICON…è stato un incubo, noi due da sole, una fatica inimmaginabile, le sere io arrivavo persino troppo stanca per mangiare, non ho avuto il tempo per vedere i miei amici, niente…una sofferenza.
La Games Com, al confronto…eravamo 25…ognuno si occupava della sua comunità, aveva i suoi appuntamenti e finiti quelli aiutava un po’ allo stand e poi…festa!!! Alt, cosa avete capito? Non avevamo mai un momento libero, ma…essere in tanti ti tira su il morale, ci si fa forza a vicenda e le sere ho conosciuto il lato "festaiolo" dei miei colleghi e…lavorando con loro tutti i giorni, gomito a gomito…non avresti mai detto che amassero divertirsi così tanto!O.O
Finita la Games Com…il silenzio più totale…
Sì, con alcuni ancora ci troviamo a pranzo per pranzare assieme, ma con altri…come se nemmeno fossimo partiti e non avessimo condiviso nulla.
Io la chiamo "Euforia da Convention". Passata l’euforia…resta il nulla.
È devastante, soprattutto per come sono fatta io che mi affeziono subito alle persone. Ci ho impiegato quasi 5 giorni per spiaccicare anche solo una parola che fosse una in francese e, quando finalmente ci riesco, e magari scopro anche che a qualcuno interessa quello che ho da dire…la convention finisce -.-’
Per una settimana hai cercato di conoscerle queste persone e…ora le rivedi come api operaie sedute al loro posto che a malapena ti salutano.
Lo so, non devo lamentarmi, le grandi aziende sono così, devo, anzi, ritenermi fortunata, perché almeno noi facciamo le convention e abbiamo modo di conoscerci meglio quanto meno in quelle occasioni, mentre ci sono aziende che non fanno nemmeno quelle, impiegati che passeranno la loro vita, seduti uno di fianco all’altro, senza magari mai rivolgersi la parola.

Sarò fortunata, ma…è una fortuna che ti lascia un po’ l’amaro in bocca.

 

Gamescom di Colonia 2009

venerdì, 28 agosto, 2009

Di seguito una serie di brevi video sulla Gamescom:

Allestimento stand ANKAMA
Concerto di apertura della Gamescom (parte 1)
Concerto di apertura della Gamescom (parte 2)
The Beatles Rockband stand
Brutal Legend Tattoos

RadioLuna dalla Gamescom di Colonia (parte 1)
RadioLuna dalla Gamescom di Colonia (parte 2)
RadioLuna dalla Gamescom di Colonia (parte 3)
RadioLuna dalla Gamescom di Colonia (parte 4)
RadioLuna dalla Gamescom di Colonia (parte 5)
Inseguimento di C1-P8

5 minuti lunghi un secolo

venerdì, 28 agosto, 2009

Le luci della città irradiavano le strade. Poche anime in giro. Una città tremendamente romantica e malinconica. La brezza fresca. Un ristorante messicano. Un po’ di musica spagnola. Gli ultimi momenti insieme prima di tornare alla quotidianità. Questi gli ingredienti di quella sera.

Per una settimana Lu si era sentita come una liceale in gita scolastica, anzi, no, ancora meglio, come in vacanza-studio, dove le sere ci si ritrovava tutti nella camera di qualcuno e si restava fino alle tre di notte a ridere e parlare di…niente. Un po’ come cantavano Paola e Chiara quando "certe sere a casa di Luca facevano le tre".

Le mancavano quei giorni e per la prima volta si sentiva tornata ragazzina. Lui la faceva sentire così.
Quella sera era tutta per loro. Ogni momento che avevano passato insieme durante quella settimana non era stato mai veramente loro, però…Lu si era accorta di qualcosa. Lui le leggeva dentro. Dal primo momento in cui i loro sguardi si erano incrociati, Michael aveva visto la sua tristezza. E Lu, in imbarazzo, l’aveva ricacciata via, perché più nessuno potesse vederla.
"Come stai? Hai un’aria triste."
"No, nulla, sono solo stanca."
"Sicura? non sarà mica come l’altra volta?"
"Cosa?"
"Non eri stanca, quel giorno, lo so."
"Uff, ok,ok…non ero solo stanca. È solo che non mi sentivo di raccontarti tutto."
"Capisco".
Le porse la mano e con un cenno del capo, le chiese:"Vieni a ballare con me?"
"Eh?! Ma siamo in un ristorante, nessuno balla…non mi va…"
"Sicura?" fece lui con un sorriso malizioso.
"Si, grazie lo stesso".

Michael si diresse allora verso un gruppetto di ragazze e fece loro la stessa proposta. Lu lo vide guardare ripetutamente verso di lei. Una di loro accettò l’invito. Non era per nulla brava, lei avrebbe fatto meglio, senza dubbio, però non le piaceva proprio dare spettacolo, quindi la cosa non le interessava molto. Perché Michael guardava sempre verso di lei, però?

Riaccompagnò la ballerina improvvisata al suo posto e poi ritornò a sedersi vicino a lei.
"Non vuoi proprio ballare?"
"Ancora? Ma c’è proprio bisogno di dare spettacolo?"
"Ti vergogni perché non sai fare? Ti insegno io, non ti preoccupare."
"Dimentichi che sono italiana. Sono decisamente più brava dell’ultima ragazza che hai invitato, ma non amo dare spettacolo".
"Ma a nessuno importa, dai, vieni con me."
"Ci tieni proprio, eh?"
"Sì".
Dopo un lungo momento di silenzio, Lu sospirò un lungo: "Va bene, diamo inizio allo show!"

Lui si accinse a darle una lezione di ballo, lei gli fece cenno di tacere.
"Dove hai imparato a ballare?"
"Non so davvero ballare, per lo più ballo da sola, non in coppia. Ho imparato a scuola."
"Però…ci sai fare", disse Michael facendola volteggiare.
Lu sorrise imbarazzata. Le sue mani iniziavano a sudare. Era emozionata…era colpa del pubblico, la guardavano tutti, sentiva gli sguardi su di lei…no, era il suo di sguardo.
"Non vuoi proprio dirmi cosa ti rende triste?"
"Perché lo vuoi sapere?"
"Perché mi interessa."
"Sono triste perché questa è la nostra ultima sera."
Lui le sorrise guardandola intensamente negli occhi e le appoggiò, deciso, le mani sui fianchi, per accentuarne il movimento. Lu sentì un brivido percorrerle la schiena, chiuse gli occhi e si lasciò andare completamente a lui.

Di quei 5 minuti lunghi un secolo, Lu ricordò solo il tocco di lui che la sfiorava così dolcemente.

Nona sfida: Ereziah A vs. Oto Mustam B

lunedì, 17 agosto, 2009

Come già annunciatovi in varie occasioni, parto per Colonia in Germania per presentare DOFUS a una ventina di giornalisti italiani che verranno appositamente per incontrarci durante la Games Com.
Non vedo l’ora di conoscerli ^^

Purtroppo, però, questo significa anche non potrò essere con voi per i prossimi tre combattimenti. TheAlfier mi ha promesso che farà dei video ed eventualmente Pepitapatty, se riesce, dovrebbe condurre Radio Luna, ma è che…ha problemi col pc, quindi…potrebbe essere che non ce la faccia :(

Spero non me ne vogliate, ma non c’è nessun altro italiano che possa farlo al mio posto :’(

Di seguito il calendario dei prossimi combattimenti, nel caso vogliate comunque cercare di tenervi aggiornati:

Mercoledì 19 Agosto 2009

[Buhorado B] VS [Ereziah B] 20:45 CEST room 5


Giovedì 20 Agosto 2009

[Ereziah A] VS [Kuri A] 19:45 CEST room 6


Sabato 22 Agosto 2009

[Hyrkul A] VS [Ereziah B] 20:45 CEST room 6

Io dovrei tornare il 24 Agosto, quindi spero di poter rientrare in tempo per iniziare a commentare l’ultima fase del torneo^^.

Vi lascio con la diretta della nona sfida e a presto :)

Ottava sfida: Ereziah B vs. Many A

domenica, 16 agosto, 2009

Live streaming video by Ustream

Prossimo appuntamento: domani, lunedì 17 agosto, ore: 19.45, stanza cinque: Ereziah A vs. Oto Mustam B

A domani, in diretta come sempre da RadioLuna ;)

Passato

domenica, 16 agosto, 2009

Sono andata a leggere vecchie lettere, quando fare tutto era difficile, quando non eri nessuno, quando nessuno ti ascoltava, quando le tue idee non contavano, quando la fatica ti uccideva.

Ora…sono diventata pigra.

Come partecipare a Radio Luna

sabato, 15 agosto, 2009

Per partecipare a Radio Luna potete:
1. scrivere i vostri commenti nella chat di ustream durante la diretta;
2. partecipare come ospiti tramite skype, aggiungendo questo contatto: xradiolunax e loggando su skype almeno mezz’ora prima della diretta, in modo che io abbia il tempo di aggiungere il contatto, spiegarvi come funziona e verificare che l’audio sia decente.

Per chi vuole partecipare a voce, mi raccomando che abbia un buon microfono, della cuffie e che nella sua stanza non ci sia rumore, se no…non c’è possibilità di riuscirci a sentire…e la diretta diventa un disastro.
Mi raccomando anche una certa proprietà di linguaggio e educazione perché ci ascoltano anche i più piccoletti.^^’

A presto :)

Settima sfida: Ereziah A vs. Aguabrial A

sabato, 15 agosto, 2009

Eccovi la prima diretta dal Goultarminator!
Però vi voglio più partecipi domenica alle 20.45, eh??? Se no…non mi diverto! ;)

Video streaming by Ustream

Linda

giovedì, 13 agosto, 2009

Stasera inauguro una nuova sezione, volevo farlo da tanto tempo, però…avevo perso i fogli e i file che avevo scritto quando…facevo niente poco di meno che LA TERZA MEDIA! Ebbene, sì, il mio primo romanzo, la mia prima grande opera incompiuta…la inziai a 13 anni. Rileggendola oggi…è un po’ buffa…avevo un linguaggio così "forbito" già a quell’età e che suona così…inappropriato in certe occasioni, lol.
A 13 anni mi ero già letta qualcosa come 150 libri. Ne leggevo mediamente uno a settimana. Io e mia madre giocavamo a chi rubava per prima il libro nuovo all’altra.

A 13 anni mio padre mi regalò il mio primo "vero" PC, un Compaq. Prima avevo avuto solo console di gioco, come il Gameboy e il Commodore 64.
Mi disse: "Io te lo regalo, ma io non so usarlo, perciò se si rompe, te lo ripari tu." e con questa frase…mi traumatizzò a morte, anche perché sapevo quanto gli era costato: 500mila lire! Nel lontano 1994…una fortuna! E ricordo anche quanto non volesse nemmeno che sfiorassi il suo portatile! Portatile che andava in DOS ed era difficilissimo da usare, tra le altre cose.

Il mio Compaq avrebbe montato uno dei primi sistemi operativi Windows, con l’interfaccia che oggi conosciamo tutti sotto il nome di "Classic".

Il computer era sbarcato a casa mia, perché la suora delle medie, Suor Ildefonsa, nel giorno di accoglienza ai genitori e ai nuovi studenti, disse che "Silvia avrebbe fatto lezioni di informatica e, per impratichirsi, sarebbe stato meglio per lei avere un computer". In realtà, finì che a lezione di informatica usavamo solo Paint e un programma che si chiamava mi pare "Logo" e che io soprannominavo "La tartarughina". Credo perché il cursore, invece che essere un’ "ape"…era una tartaruga. Insomma…niente a che vedere con il mio nuovo fiammante Windows.

Tutto orgoglioso, del suo nuovo giocattolino, mio padre aggiunse anche: "Però, te lo regalo per studiarci, non per giocarci!". In realtà, a parte essere un bel soprammobile, il computer rimase pressoché inutilizzato, se non fosse stato per le volte che ci giocavo a Lemmings e a Rayman 1. Quando poi il sistema operativo cambiò e né Lemmings, né Rayman funzionarono più…finì che la mamma ci appoggiò sopra un centrino e rimase quasi sempre spento.

Del resto…che potevate aspettarvi da una bambina di 13 anni che credeva che quando il computer "prendeva i virus", arrivasse il medico con gli antibiotici a curarlo? Mi ricordo che credo di aver persino chiesto, una volta a mio padre (medico), che aveva appena trovato un virus sul pc, se "lui non potesse curarlo" e lui mi rispose sorridendo e dicendo: "No, questo è un altro tipo di virus". Il problema con il mio computer era appunto questo: i suoi virus, non si potevano mai curare. Ed erano più le volte che mio padre diceva che non c’era niente da fare, che quelle in cui funzionava e…ovviamente la colpa ricadeva sempre su di me e sui giochini che installavo :P

Pochi giorni dopo averlo comprato e vedendo che io proprio non capivo come funzionava, il papà mi mise sotto il naso un floppy disk con su scritto: "MS Kids Creative Writer" e mi disse: "Al negozio c’era questo programma, serve per scrivere al computer. È per bambini, però puoi imparare a scrivere".

Quello fu l’inizio della fine. Stavo ore attaccata a quel computer e…scrivevo, scrivevo e scrivevo.
Un bel giorno gli passai davanti mentre mio padre scriveva qualcosa con Word e gli chiesi: "Che programma è?"
"È MS Word. La versione per adulti del programma che usi tu per scrivere."
E io, dissi: "E dov’è la valigetta per creare un nuovo documento?" ( per intenderci, quella che nella foto è nera e sta in basso a sinistra)
"Che valigetta?"
Gli spiegai che per creare un nuovo documento, io cliccavo su un’icona a forma di valigetta, che conteneva tutti i miei progetti.
E lui rispose: "Aaah, ma è una metafora! Normalmente clicchi su "File" e poi su "Nuovo" "
E io sentenziai: "Senza valigetta, non è divertente, non lo userò mai."
 
Beh, mantenni la parola. Continuai a usare MS Kids per anni, finchè mio padre piallò tutto e mi disse: "Mi rifiuto di metterti su quella schifezza. Usa Word."
Mi feci forza e cercai di recuperare i miei documenti e passarli da MS Kids a Word, se non fosse che, per paura che qualcuno li leggesse, li avevo tutti codificati e che Word trasformava la codifica in una serie di simboli che non avevano alcuna ricorrenza logica.
Ero fottuta.
Di nascosto, reinstallai MS Kids, stampai i fogli codificati e mi misi a fare la traduzione lettera per lettera della codifica.

Non finii mai di farla. Mi stufai e misi i fogli tra gli album di fotografie e li restarono fino a…3 settimane fa.
È arrivato il momento di consacrare questa spazzatura all’immortalità della rete, così…me ne libererò per sempre!

Da oggi per ciò inizia una nuova sezione: "Linda".
Può darsi che dopo essermi ricopiata tutto, decida di revisionare quei 5 capitoli iniziali e dar loro…la maturità che non hanno mai avuto, ma…si vedrà.

Compariranno probabilmente anche 2 nuovi racconti, scritti nello stesso periodo e con cui ho partecipato a due concorsi letterari. All’epoca volevo a tutti i costi diventare una scrittrice e le provai tutte, finché non realizzai che mi mancava la tecnica e decisi di entrare a Scienze della Comunicazione, perché era l’unico corso di laurea che aveva un esame di "Composizione testi in italiano".

Perciò, buona lettura da…una tredicenne. :D

Sesta sfida: Ereziah A vs. Many B

mercoledì, 12 agosto, 2009

Download podcast/mp3

Parte 1

Parte 2

Parte 3

Parte 4