Crea sito

Archive for luglio, 2009

L’importanza delle fonti

sabato, 25 luglio, 2009

Volevo fare un RT (re-tweet) di questo articolo Perché internet ci rende persone migliori e mi sono messa a cercarne le fonti inglesi, perché ero curiosa di leggere se effettivamente Jonathan Zittrain aveva asserito una cosa del genere. Un concetto piuttosto forte, non vi pare? "Internet rende le persone migliori". Non vi fa venir voglia di loggare su tutti i social network possibili e immaginabili?!
La mia ricerca non è andata a buon fine. Su internet non ho trovato nulla, se non questi due articoli: When the bat signal calls e Ipods won’t end dictatorship.
La cosa mi interessava perché feci una tesina, che poi è alla base della mia tesi di laurea che, tra le altre cose, cercava di dimostrare l’importanza dei social network nel creare una comunità. Ero sempre stata piuttosto scettica su questa teoria. E…mi sembra che tutt’ora ci siano prove quanto meno a favore del fatto che "Internet non rende migliori" ma è l’umanità, la generosità, la natura stessa intriseca nell’uomo che usa i social network, internet e qualsiasi altro mezzo di comunicazione per migliorare se stesso e la sua conoscenza che ci rende migliori, se proprio dobbiamo trovare un fattore "esterno" che ci deve migliorare. Migliorando se stesso, per riflesso, migliora anche la comunità di cui fa parte. O questo è quanto meno ciò che Zittrain sostiene nell’esempio dell’incendio:

«It’s as if your house were to catch on fire.The bad news is that there’s no fire department.The good news is that some of your neighbors promptly come over with garden hoses and put the fire out, expecting neither payment nor recognition for their help.It’s an extremely powerful civic defense system, powered in large part by goodwill.»

«È come se la tua casa abbia peso fuoco. La cattiva notizia è che non c’è un dipartimento dei vigili del fuoco in zona. La buona notizia è che alcuni tuoi vicini sono prontamente arrivati con le loro pompe da giardino e hanno spento il fuoco, senza aspettarsi un pagamento o un riconoscimento per il loro aiuto. È un sistema civico di difesa estremamente potente, sospinto in gran parte dalla buona volontà».

Voi in questa frase vedete un messaggio che dica "Internet rende migliori"? Io no. E sono fermamente convinta che così come ci sia il buono in internet ci sia anche il marcio. Tutto esaperato all’ennesima potenza in entrambi i sensi.

mytwocents

Twitter e Facebook in homepage

venerdì, 17 luglio, 2009

Beh, è arrivato il momento di mettere sia fb (nella colonna di sinistra) e twitter (nella colonna di destra) in homepage. Soprattutto perché i fan italiani di DOFUS e Ankama fanno fatica a seguire gli update. Inoltre la maggior parte delle news su DOFUS e sugli eventi Ankama passano prima per Twitter, perciò…eccovi accontentati.

Mi raccomando, vi aspetto numerosi al Gultarminator Tournament! Le iscrizioni si chiudono il 22 luglio, quindi…affrettatevi! E in bocca al lupo a tutti! :)

Oggi sciopero

martedì, 14 luglio, 2009

Adesione all’appello di Diritto alla Rete contro il DDl Alfano che imbavaglia la Internet italiana.

 

nevediluna va su Twitter

martedì, 7 luglio, 2009

How addicted to Twitter are you?

Created by The Oatmeal

Il mio primo articolo pubblicato

lunedì, 6 luglio, 2009

Il mio primo articolo pubblicato sul sito più famoso in Italia sui manga:
Reportage esclusivo: Ankama Convention Versailles Parigi

Computer spento computer sicuro, computer scollegato, utente salvato!

domenica, 5 luglio, 2009

Il titolo di questo post sarà lo slogan dei prossimi giorni (ah, no, non è mio, viene da questo commento). A volte trovo il tempo di fare la blogger informata e leggo che in Italia le cose non è che vanno poi tanto meglio che in Francia.
Mettiamola così: in Francia se usi torrent puoi scaricare, inoltre hai una banda molto più ampia che in Italia e confesso che pagare quei 200€ di vitalizio a megavideo…non è che mi dispiacerebbe, se fosse necessario. Sono un po’ contro la lobby di megavideo, ma…se lo Stato non va all’internauta, l’internauta…si adegua, ovviamente.
Leggevo del maxi emendamento sulle intercettazioni e in particolare del decreto Alfano e dell’articolo seguente:

Art. 15.
(Modifiche alla legge 8 febbraio 1948, n. 47).
1. All’articolo 8 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, e successive modificazioni, sono apportate le seguenti modificazioni:
a) dopo il terzo comma è inserito il seguente:
«Per le trasmissioni radiofoniche o televisive, le dichiarazioni o le rettifiche sono effettuate ai sensi dell’articolo 32 del testo unico della radiotelevisione, di cui al decreto legislativo 31 luglio 2005, n. 177. Per i siti informatici, le dichiarazioni o le rettifiche sono pubblicate, entro quarantotto ore dalla richiesta, con le stesse caratteristiche grafiche, la stessa metodologia di accesso al sito e la stessa visibilità della notizia cui si riferiscono»;

omissis

e) dopo il quinto comma è inserito il seguente:
«Della stessa procedura può avvalersi l’autore dell’offesa, qualora il direttore responsabile del giornale o del periodico, il responsabile della trasmissione radiofonica, televisiva o delle trasmissioni informatiche o telematiche non pubblichino la smentita o la rettifica richiesta».

che obbliga a una rettifica in 48 ore anche se…sei in spiaggia a prendere il sole per il week-end, pena un’ammenda che va dai 15 ai 25 milioni di vecchie lire. Una follia, un’altro decreto ammazza-internet.

Perciò, per solidarietà con i miei colleghi blogger, il 14 luglio, il mio blog aderirà alla giornata del silenzio per la libertà d’informazione on line.

Contro il decreto Alfano

A presto e alla prossima.

Japan Expo: bilancio

sabato, 4 luglio, 2009

Sicuramente un’esperienza stimolante da fare almeno una volta nella vita e…poi più!
Più che una fiera della cultura giapponese la definirei una "fiera delle code d’attesa":

  • un’ora e mezza per entrare, prelevare dal bancomat e per uscire (4 ore e mezza, insomma…buttate nel cesso, tanto perché ci piace buttare il nostro tempo, no?).
  • La metro per Parigi al rientro era stipata peggio di un treno per Auschwitz, la gente che si sedeva a cavalcioni sui binari e quelli che sopraggiungevano che inciampavano su di loro rischiando di finire di sotto. E tutto questo contando che era venerdì ed ero pure uscita un’ora prima della chiusura al pubblico!
  • Il treno Parigi-Lille in ritardo di mezz’ora perché un treno belga che lo precedeva, causa guasto, non poteva fare più di 40km/h. Il tutto piacevolmente allietato, purtroppo non da un hostess figo come David Holmes che dava gli annunci in stile rap come sui voli per Las Vegas, ma, al contrario, da un po’ troppo zelante controllore che quanto meno aveva grosse difficoltà a stare zitto e ad evitare di usare quel dannato interfono ogni 3×2 per dire cose del tipo: "Ci scusiamo per il disagio…il treno ha accumulato un ritardo di 10…20…30 minuti…tutti i passeggeri che devono andare qui, qui e qui, sono pregati di recarsi subito dal capotreno…forniremo loro vetture sostitutive" diffondendo il panico in almeno metà dei passeggeri;
  • un dolore ai piedi lancinante: potevi sederti solo nelle sale proiezioni…affollate, calde e soffocanti.

Però mi sono portata a casa un portachiavi di Sumomo:

un peluche di Mokona:

 e…un’altra cosa che è un regalo/sorpresa quindi…lo svelerò tra una settimana, se no chi conosco io è capace di leggersi il blog per scoprirlo in anticipo, vero? :P

Tra una settimana sarò in Italia per le mie meritate ferie…incredibile *.* dal 10 Luglio al 2 Agosto. Parto il giorno dopo il mio compleanno…speriamo che si dimentichino che è il mio compleanno all’Ankama >.<

Beh, che dire, Japan Expo…bocciata. Poi la facevo un po’ più "professionale" di quello che è in realtà. Volevo scoprire le nuove uscite, i nuovi manga, le esclusive…visto niente di tutto ciò, anzi…trito e trito. Colmo dei colmi mi sono ritrovata a vedere l’ep.1 e 2 di XXXHolic in francese, quando in Italia siamo già alla seconda stagione fansubbata. Uno scandalo! Ho saputo che Panini ha vinto come miglior Shojo con Vampire Knights, ma…non l’ho scoperto alla Convention, ma…tramite "conoscenze". Insomma, Fiera del Libro di Bologna sì, Comicon di Napoli sì, Japan Expo…no. Anche l’organizzazione degli eventi lascia molto a desiderare è più un’accozzaglia di bancarelle stile mercato…Insomma, sapete come si dice da noi? Le sagre erano belle quando non erano commerciali e non sembrava di stare in coda al McDonald’s. Ecco, uguale per la Japan Expo: tanti gadget da vendere e pacottiglia, ma poca sostanza, anzi…spesso la sostanza è ben nascosta ed è veramente difficile notarla in mezzo alla pacottiglia. Un vero peccato.

Per non parlare poi delle favoleggiate sessioni di dediche con le CLAMP, una vera delusione. In realtà un amico mi aveva avvisata che forse sarebbero state a invito, comunque, dopo la mia ora e mezza di coda, mi precipito alla sezione "DEDICACES", le CLAMP sono alle 13.00, mancano 2 ore…aspetterò.
Mi avvicino all’omino che sta davanti all’ingresso. Ascolto la gente cosa gli chiede e, indovinate cosa vengo a scoprire? Che non solo le sessioni di dediche sono a invito, ma di questi invitati ne prendono solo 60!!! Ma vaff…
Rassegnata vo a far altro e ritorno alle 13.00 per almeno vederle, no? Mai viste in vita mia, non so nemmeno che faccia abbiano, chi è che non avrebbe il desiderio di dare un volto a uno dei suoi autori preferiti, no?
Bellissime. Voglio fare foto e…"Desolée, madamoiselle, mais vous ne pouvez pas faire des photos ou videos au CLAMP, svp" ma ri-vaff… Ma cos’è?! Io passo per una fiera, vedo uno e…non posso fargli foto. Assurdo. Inconcepibile!
Gliele ho fatte lo stesso, tié! Da lontano, ma…gliele ho fatte e…erano pure delle belle mangake! Ari-tié!

Ve le avevo promesse, no?

giovedì, 2 luglio, 2009